L’Italia dell’olio riparte. Ma la maggiore produzione della campagna olearia 2019-2020 non compenserà il calo dell’annus horribilis 2018. A prevederlo sono i principali osservatori del mercato: da una parte Cia-agricoltori Italiani, Italia Olivicola e Associazione italiana frantoiani oleari (Aifo), che stimano una crescita della produzione italiana dell’89%; dall’altra Coldiretti, per cui il recupero sui minimi del 2018 sarà di circa l’80%. Nello specifico, la produzione italiana è stimata a circa 330 mila tonnellate di olio, quasi il doppio rispetto ai minimi delle 175 mila tonnellate del 2018, ma ancora lontana dalle 428 mila tonnellate del 2017, una delle migliori annate del decennio, inferiore solo al 2015.

La Puglia leader

Nonostante la Xylella che avanza (ma per ora circoscritta al Salento), è la Puglia la regione guida nella ripresa della produzione di olio grazie soprattutto al recupero dei territori olivicoli delle province di Bari, Barletta-Andria-Trani (Bat) e Foggia, zone — spiegano gli analisti — falcidiate dalla gelata nel febbraio 2018. Secondo Cia-agricoltori Italiani, Italia Olivicola e Aifo l’incremento sarà addirittura del 175%, mentre per Coldiretti sarà in linea con la media nazionale. Una differenza non da poco sul fronte dei prezzi, visto che la Borsa merci di Bari ha un ruolo guida nella formazione di quelli dell’olio a livello nazionale.

Il clima ha favorito l’olivo

Il clima questa volta ha favorito lo sviluppo dell’olivo: il caldo estivo e la bassa umidità, in particolare, hanno evitato gli attacchi della mosca olearia, come si evince dai bollettini fitopatologici con infestazioni rare e ben al di sotto della soglia del danno su tutto il territorio italiano. Secondi Cia, «la qualità dell’olio extravergine d’oliva sarà assolutamente eccellente, soprattutto grazie agli interventi e alle spese sostenute dagli agricoltori nei mesi estivi per l’irrigazione dei campi, ed entro la metà di ottobre quasi tutte le cooperative e i frantoi d’Italia avranno iniziato la campagna di raccolta».

Il confronto con Spagna e Grecia

Di certo, comunque, è cominciato il recupero del pesante deficit di una filiera che coinvolge oltre 400 mila aziende agricole specializzate e che può contare sul maggior numero di olio extravergine a denominazione in Europa (43 Dop e 4 Igp) con un patrimonio di 250 milioni di piante e 533 varietà di olive, il più vasto tesoro di biodiversità del mondo. Dove l’Italia compete con Spagna — che dovrebbe produrre 1,35 milioni di tonnellate di olio d’oliva, un po’ meno rispetto all’anno precedente (1,77 milioni) — e Grecia che, in linea con l’incremento italiano, dovrebbe passare da 185 mila a 300 mila tonnellate.

 

FONTE: https://www.corriere.it/economia/aziende/19_ottobre_02/olio-l-anno-riscatto-il-made-italy-produzione-89percento-trainare-sud-d6f695ee-e4f6-11e9-b924-6943fd13a6fb.shtml

Τελευταία νέα