foto: AFP

TESTO: MARIA AKRIVOU

Ripubblicazione di un articolo della Sig.ra Maria Akrivou Senior Editor Fortuna Grecia
dalla partecipazione della Grecia alla mostra
TuttoFood

Il nuovo grande raduno dell'industria alimentare è a Milano e lì si trova Fortune Greece.

Spedizione a Milano

Finalmente qualcosa ha iniziato a muoversi nel settore alimentare da quando le grandi fiere hanno iniziato a decollare. Lo scatto è stato dato da Anuga, la più grande fiera di cibo e bevande al mondo che si è tenuta qualche giorno fa a Colonia, con gli italiani che questa volta hanno preso il sopravvento a TUTTOFOOD, confermando che la pandemia, se ha temporaneamente congelato le attività espositive, ma non ha potuto limitare le aziende desiderose di comunicare i loro nuovi prodotti.

Caffè, pasta, bevande, tè, dolci, pasta da forno, persino gelato sono alcuni degli articoli presentati dai 2.700 marchi provenienti da 50 paesi partecipanti alla mostra.

Gli italiani giocano in casa, investendo molto in un settore che, comunque, ha lasciato il segno nel mondo. Le loro stime, infatti, sono che entro la fine del 2021 le esportazioni di prodotti agricoli italiani avranno superato la soglia dei 50 miliardi di euro, mentre il tasso di crescita sarà di 2.4%-4.6% fino al 2024.

Gusto dalla Grecia

Soddisfacente la presenza greca a TUTTOFOOD, che si svolge a Milano e durerà dal 22 al 26 ottobre, con gli espositori greci che si dichiarano forti in termini di export e allo stesso tempo pronti a sbloccare nuovi mercati.

Dopotutto, qui hanno l'opportunità di chattare con acquirenti non solo europei, ma del Nord e Sud America, nonché del Medio Oriente che sono lì per seguire da vicino le tendenze europee.

"L'olio d'oliva greco è molto forte nel gusto e nella qualità. L'indice dell'extravergine raggiunge 80% che non si trova nei corrispondenti oli di oliva italiani e spagnoli. Come azienda, produciamo 18.000-22.000 olio d'oliva all'anno e siamo presenti in 7 paesi europei e rappresentati attraverso partner negli Stati Uniti, in Canada e negli Emirati Arabi Uniti. Il nostro obiettivo attraverso tali fiere è stabilire quanti più contatti possibili e aprire nuovi mercati", afferma Ioannis Kambouris, amministratore delegato di E-LA-WON, che ha più di 100 riconoscimenti internazionali ed è stato studiato come caso di studio dall'Università dell'Attica occidentale e dall'ASOE.

Anche Ertha, un'azienda greca che produce tè a base di cannabis, ha scelto TUTTOFOOD per il suo debutto. Nonostante non abbia compiuto nemmeno un anno, ha già nella sua "faretra" 7 codici di infusione, per bevande calde e fredde, mentre a novembre si prepara a lanciare 4 nuovi codici nella categoria tè.

“La cannabis è una delle prime 5 tendenze del benessere in tutto il mondo. Si stima che il suo valore raggiunga i 56 miliardi di dollari entro il 2028 dai 2,2 miliardi di dollari del 2020. Siamo molto interessati alle esportazioni. Siamo già entrati nei mercati di Cipro e della Francia e il nostro target è l'Europa occidentale e il Nord America", afferma Costas Balkanas, co-fondatore di Ertha.

Ma anche i monasteri sembrano riconoscere l'estroversione come l'unico modo per sviluppare i loro prodotti. Un caso tipico è l'azienda Monastic, che promuove miele, olive, olio, tè e dolci al cucchiaio provenienti da vari monasteri della Grecia.

"È la prima volta che partecipiamo a una fiera internazionale poiché ora stiamo iniziando le esportazioni. Dal 2018 siamo entrati anche nel campo della cosmesi naturale. Vogliamo iniziare in Germania, Austria, Belgio e Francia. TUTTOFOOD ci permette di essere visibili all'estero", sottolinea Anny Dogramadjian dell'azienda monastica.

Aggiunge che la maggior parte dei prodotti proviene dai monasteri di Halkidiki, nonché da Serres, Larissa e Creta.

Come affermato nel rapporto, lo slancio è adatto per investimenti in prodotti innovativi nel settore alimentare, vista la crescita prevista nei prossimi anni, sia nel settore della ristorazione che dell'ospitalità. Oltre ai dati sopra indicati, il progressivo aumento della popolazione mondiale porterà ad una maggiore domanda di beni, con la differenza che il consumatore preferirà quelli caratterizzati dal loro alto valore nutritivo e allo stesso tempo ne promuoverà la longevità.

TUTTOFOOD: l'agroalimentare prende il sopravvento

 

 

 

Ultime notizie