• Il Technik Museum Sunsheim in Germania, che attrae più di un milione di visitatori ogni anno, ospita una mostra speciale con 40 reperti della storia dell'Alfa Romeo.
  • La mostra comprende leggendari modelli da corsa, auto di serie, prototipi unici, nonché parti meccaniche distintive del marchio conservate presso il Museo Storico Alfa Romeo - La Macchina del Tempo di Arese.

I visitatori del Museo Technik di Sinsheim, in Germania, avranno l'opportunità di godere di una mostra speciale chiamata "Mito Alfa Romeo". Dedicata alla storia del marchio, la mostra occupa 3.000 mq. e comprende 40 reperti che esprimono la storia, la tecnologia e il patrimonio agonistico dell'azienda italiana.

I reperti sono pezzi preziosi della sua collezione Patrimonio FCA, l'organizzazione che ha l'obiettivo di preservare il patrimonio dei marchi italiani del gruppo FCA. L'elenco comprende non solo vetture da corsa come l'Alfa Romeo SE048SP o l'Alfa Romeo 1900 C2, nota nella storia come "Disco Volante", ma anche eccezionali esempi di design italiano, come l'Alfa Romeo 6C 2500 Super Sport. Le vetture sono incorniciate da parti meccaniche come un motore di Formula 1 o l'innovativo sistema di trazione integrale Q4 utilizzato per la prima volta sull'Alfa Romeo 156. L'esposizione presenta la storia dell'Alfa Romeo e si concentra sulla sua evoluzione, dal suo logo alla sua tecnologia innovazioni che ha raggiunto nei suoi 109 anni di vita.

Il Museo Technik di Sinsheim ha iniziato ad operare nel 1981 e oggi conserva una delle più grandi collezioni di veicoli in Europa, attirando più di un milione di visitatori ogni anno.

Alcune delle mostre più speciali che la mostra ospiterà sono:

 

Alfa Romeo 6C 2500 Super Sport (1947)

Classe 1939, come il resto delle versioni 6C 2500, la corsa della Super Sport è stata interrotta dallo scoppio del 2tu P.P., con la modella che vive una seconda giovinezza negli anni del dopoguerra. Fino al 1946 la Super Sport era disponibile solo su telaio, lasciando ai clienti la scelta della carrozzeria che desideravano. Dopo la ripresa dei lavori, al listino si è aggiunta l'opzione di una vettura "completa", con carrozzeria disegnata da Touring. Oltre al design imponente, l'auto si distingueva per l'elevata qualità costruttiva e per i migliori materiali dell'epoca. Era alimentato da un motore a sei cilindri da 2.500 cc. con 3 carburatori e una potenza di 105 CV.

 

Alfa Romeo 1900 C2 “Disco Volante” (1952)

Nel 1952 dopo il suo ritiro dal Campionato del Mondo di Formula 1, il responsabile dello sviluppo dell'Alfa Romeo Orazio Satta Puliga ei tecnici pensarono di utilizzare la 1900 come base di una vettura da corsa per la classe Sport. Allo stesso tempo, questa scelta soddisferebbe anche l'importatore californiano del marchio, Max Hoffman, che voleva una barchetta capace di correre negli USA. Il team aziendale ha modificato il motore installando un blocco di alluminio aumentando la capacità a 2 litri. La potenza è aumentata a 158 CV, mentre la velocità massima ha superato i 220 km/h. La struttura in tubolare d'acciaio ricopriva il "vestito" in alluminio leggero della Carrozzeria Touring. Inizialmente furono prodotti due spider a due posti del peso di soli 824 kg. Il design futuristico ha dato al modello il soprannome di “Disco Volante” (disco volante).

 

Motore Alfa Romeo SE048 SP (1989) e V1035 (1990)

Nel 1989 l'Alfa Romeo con l'aiuto dell'Abarth si prepara in assoluta segretezza al Campionato del Mondo Prototipi (Gruppo C). È stato costruito un telaio in fibra di carbonio, mentre il corpo è stato realizzato in fibra di carbonio e Kevlar. I test sono stati effettuati con vari motori, tra cui un V10 aspirato da 3,5 litri (codice V1035) che l'Alfa Romeo aveva originariamente sviluppato nel 1986 per il team Ligier di Formula 1. La nuova vettura da corsa è stata denominata SE048 SP - utilizzando la nomenclatura di Abarth -, ma alla fine non ha mai corso dopo che la società ha annullato la sua partecipazione per mancanza di interesse anche da parte della FIA.

 

Sistema di trazione integrale Q4 (Alfa Romeo 156 Crosswagon 2004)

Nel 2004 l'Alfa Romeo chiamò il nuovo sistema di trazione integrale permanente Q4, che utilizzava un differenziale centrale Torsen per distribuire la coppia ai due assi. Il sistema è stato utilizzato nell'Alfa Romeo 156 Crosswagon, una versione speciale della versione station del modello con un'altezza da terra extra di 6,5 cm. In condizioni normali il sistema trasferiva più coppia all'asse posteriore. Durante l'accelerazione questa percentuale ha raggiunto 80%. Uno dei principali punti di forza della Q4 era che poteva funzionare bene con i sistemi elettronici di assistenza alla guida come il controllo di trazione (ASR) e il controllo di stabilità (ESP).

 

Modello in galleria del vento dell'Alfa Romeo 155 V6 TI (1992)

Con l'Alfa Romeo 155 V6 TI, il marchio italiano ha dominato il Campionato Tedesco Turismo (DTM). La gara fece il suo debutto nel 1993, con Alfa Romeo e Nicola Larini a dominare la forte concorrenza tedesca. L'Alfa Romeo 155 V6 TI era alimentata da un motore a benzina V6 da 2,5 litri aspirato che produceva circa 420 cavalli. Alla mostra, il pubblico può scoprire il modellino (scala 1:4) che è stato utilizzato per lo sviluppo aerodinamico dell'auto.

 

 

Ultime notizie