Il 9 luglio è stato segnalato dal WWF come 'Giornata della dipendenza dal pesce' per l'Europa. Vuol dire che gli europei hanno consumato una quantità di pesce pari a quanto prodotto in un anno nel vecchio continente e questa data segna simbolicamente l'inizio delle importazioni dall'estero. Le cinque specie in cima alla classifica di consumo in Europa – tonno, merluzzo nordico, salmone, merluzzo dell'Alaska e gambero – sono importate prevalentemente da paesi extra UE: prima da tutto salmone fresco dalla Norvegia, poi tonno in scatola dalla Norvegia Ecuador, seppie e calamari congelati, proveniente in gran parte da India e Cina. Se consideriamo l'Italia in particolare, le cose vanno ancora peggio, perché i nostri mari sono sovrasfruttati, il pescato è in calo ogni anno e la produzione nazionale – somma di pesce e pesce – si “esaurisce” il 6 aprile.

Ogni italiano consuma circa 29 kg di prodotti ittici all'anno e la quantità oscilla in concomitanza con il resto del consumo alimentare. Secondo i dati dell'Ismea (Istituto di servizi per il mercato agroalimentare), nel 2018 il consumo è diminuito di circa 2%: i prodotti freschi o scongelati sono diminuiti di 2,7%, i surgelati morbidi – tipologia poco diffusa – sono diminuiti di quasi 9%, mentre i prodotti surgelati e surgelati sono aumentati di 2,6 punti percentuali L'uso del segmento da congelatore rigarda in particolaree i prodotti per il consumo (come i bastoncini), che peraltro crescono anche nel segmento dei freschi e decongelati. Si nota quindi, anche in questo settore di mercato, un andamento in atto da diversi anni: i generi pronti da mangiare, a elevato contenuto di servizio, nonostante i prezzi più alti, vendono bene. I prodotti ittici freschi o decongelati, disponibili sia al banco servito che self-service, e destinati al consumo diretto, rappresentano il 48% del volume di acquisti? le conserve (scatolame) il 24% e confezionati da freezer il 18%.

Noi abbiamo chiesto un parere su questo andamento a Valentina Tepedino, direttrice di Euromercato del pesce: "I consumatori a volte acquistano prodotti de congelati pensando che siano freschi - fa notare spesso Tepedino - perché li trovano sul banco accanto al pesce fresco e le indicazioni sulle etichette passano inosservato o risultano incomprensibili. Quando aquistiamo pesce decongelato, non posiaimo sapere da quanto tempo sia stato decongelato. La cosa migliore è comprare del pesce fresco, se non sai come prepararlo il giorno prima, congelato o congelato per farlo scongelare bene prima di cuocerlo”.

I più venduti del segmento freschi e decongelati sono le orate, seguite dal salmone (il pesce per cui spendiamo di più) e dalle cozze. Per quanto rigarda i prodotti trasformati (surgelati, congelati e conserve) la parte del leone la gioca il tonno in scatola, con il 40% del volume, seguito da merluzzi e naselli frozeni preparati (i classici bastoncini di pesce). Il tonno in scatola non conosce crisi: secondo i dati Ancitil 94% degli italiani lo consume e quattro su 10 lo mangiano almeno una volta a settimana.

salmone tranci piattoNella categoria del pesce fresco, uno dei prodotti italiani preferiti è il salmone

Produzione di pesce, crostacei e molluschi in Italia è pari a circa 350mila tonnellate all'anno (secondo i dati Eumofa, per il 2016, 193mila tonnellate di pesce e 157mila di pesce), mentre nel 2018 sono state importate 1,35 milioni di tonnellate. È chiaro quindi che la maggior parte dei prodotti che troviamo sul mercato provengono dall'estero.

L'importazione di pesce è in aumento da diversi anni come accade nel resto d'Europa. In testa alla classifica troviamo il tonno in scatola, con 100mila tonnellate, proveniente da oltre metà della Spagna. È interessante notare che il nostro Paese importa anche 37mila tonnellate di tranci di tonno destinati al mercato “fresco” e circa 30mila tonnellate di tonno surgelato destinati alla produzione di conserve (per la maggior parte esportate).

"Il tono rimane un prodotto molto gradito – fa notare Tepedino – e comprarto al viene percepito come fresco. In realtà quello che tromuaso in pescheria e nei supermercati è tonno a pinne gialle, una specie che non vive nel Mediterraneo, importata in grandi quantità come "filoni" congelati. Pesci simili, che si possono pescare nei nostri mari e che sarebbe opportuno valorizzare, sono la palamita e altre specie di tonnetti ei tombarelli.

Nella classifica dell'import, il tonno in conserva è seguito da calamari e calamaretti congelati, proveniente principale da Spagna e Cina. Questi sono destinati, oltre che al consumo domestico, alle fritture di pesce che tromuados in tutti i ristoranti e quasi sempre, nel menu, riportano l'asterisko che segnala appunto l'uso di pesce congelato.

Polpo crudo di pesceIl polpo surgelato è una delle voci più importanti tra le importazioni italiane nel nostro Paese

Subito dopo, troviamo polpi congelati, ei salmoni freschi. L'import di salmone, grazie alla sua popolarità sempre crescente, nell'ultimo anno è aumentato del 17%. Seguono gamberi e gamberetti congelati, che importiamo da Argentina e Spagna, mentre le mazzancolle provengono prevalentemente dall'Ecuador. Vengono poi due pesci “con la coda” molto preretitu al banco del fresco: orate, che importiamo soprato dalla Grecia e spigole.

"Il fatto di importare prodotti ittici, come i calamaretti, dalla Spagna - dice Tepedino - non garantia che siano stati pescati in questo Paese, perché la Spagna ne importa large quanitati per poi lavorarli ed esportarli nuovomento. Orate e spigole allevate all'estero sono più convenienti di quelle nazionali, sia per le differenze climatiche che rendono più rapida la crescita, sia perché il costo della manodopera e le spese dovute alla burocrazia sono inferiori. Gli allevamenti in Grecia o in altri Paesi dell'UE devono seguire le stesse normative vigenti in Italia, non devono considerare prodotti di qualità inferiore”.

Pare incredibile ma, poco oltre, in questa classifica troviamo i preparati di surimi, di cui importiamo 13,5 mila tonnellate (con una crescita di 25% rispetto all'anno precedente). Il surimi, prodotto della tradizione orientale, è una "pasta di pesce", ottenuta con pesce tritato che può appartenere a varie specie, e nei casi più pregiati è il merluzzo dell'Alaska. Le "preparazioni di surimi", che alcuni definiscono "i würstel del mare", sono solitamente cilindri con l'interno bianco e l'esterno arancione, ma possono avere anche la forma di gambero o altro. Sono composte per meno della metà di pesce tritato, miscelato con acqua, amido, grassi, albume d'ovo, aromi, stabilizzanti, esaltatori di sapidità e sale. Il classico colore arancione è dato da coloranti naturali, come la paprika, e i vari aromi dipendono dagli aromi utilizzati. L'utilizzo del pesce tritato e l'aggiunta di aromi consentono di utilizzare pesce di scarsa qualità e avanzi di altre lavorazioni.

"La normativa non fissa una quota minima di pesce nelle preparazioni di surimi – fa notare Tepedino – né Establishe quali specie si deveno utilizzare. Il risultato è che questi prodotti industriali sono spesso preparati con pesce di scarsa qualità, a cui si aggiungono altri ingredienti utili a vendere il prodotto, senza “sostanza”. Si trovano congelati in tutti i supermercati, ma i destinatari più importanti sono i ristoratori. I bar che preparano l'insalata di mare, come pure le pizzerie ei reparti gastronomia dei supermercati: tutti utilizzazione preparazioni a base di surimi”.

 

 

FONTE: https://ilfattoalimentare.it/mercato-pesce-italia.html

Ultime notizie